.
Annunci online

  PierfrancoRavotto [ Un BLOG per parlare di condivisione e di collaborazione, nel mondo della scuola e della formazione ... e oltre ]
         

Un blog per partecipare alla costruzione collettiva di conoscenza, per condividere e scambiare idee, per scrivere come la penso. Per mantenere i contatti. Per ampliarli.

Chi sono
Avevo 20 anni nel 68, poi sono via via aumentati fino all'attuale età della pensione (e oltre).
Mi sono laureato in ingegneria ma ho scelto di fare l'insegnante saltando da una materia all'altra: matematica alle medie e alle "150 ore", Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione, Area di progetto, Sistemi organizzativi.
Dal 1980, all'ITSOS "Marie Curie" di Cernusco sul Naviglio, mi sono occupato di corsi post-diploma, di alternanza, di scambi con l'estero e di progetti di ricerca in ambito europeo (programmi Leonardo e Socrates).
Negli ultimi anni ho lavorato soprattutto sull'integrazione fra formazione in rete e formazione in presenza e ho promosso e coordinato il progetto SLOOP.
In pensione da settembre 2007, lavoro come consulente AICA e sono collaboratore del Laboratorio Tecnologie Educative (LTE) del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Firenze. Mi occupo di certificazioni nell'ambito delle ICT, di eLearning e in genere di uso delle tecnologie nella didattica.
Un tema che mi è caro è quello della condivisione di contenuti aperti per l'eLearning

La mia libreria su Anobii


5 gennaio 2010

L'orologiaio cieco

More about L'orologiaio cieco

Appassionata difesa del Darwinismo - questo "L'orologiaio cieco" di Richard Dawkins - come "soluzione ... del problema ..della complessità del 'progetto' degli esseri viventi" o, per semplificare, di come possa essersi sviluppato un organo così complesso come l'occhio umano o l'ecolocazione dei pipistrelli.
Frutti del combinarsi di mutazioni casuali con la selezione naturale.

Libro intelligente e scorrevole, qua e là un po' ripetitivo. Comprensibile anche per i non addetti ai lavori. Decisamente lo consiglio.

Anche se il libro di Dawkins che preferisco resta "Il gene egoista". E' precedente, ma se dovete leggerne uno solo leggete quello. Ma non è il caso di fermarsi ad uno :-)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Richard Dawkins Darwin darwinismo

permalink | inviato da ravotto il 5/1/2010 alle 19:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



10 agosto 2009

Una mostra per il bicentenario di Darwin



Molto bella la mostra - aperta fino al 25 ottobre alla Rotonda della Besana (Milano) e dal 24 novembre a Bari (prima era stata a Roma), per il bicentenario della nascita di Charles Darwin.
Ve la consiglio.

(Altro su Darwin su questo blog)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Darwin mostre

permalink | inviato da ravotto il 10/8/2009 alle 9:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



23 dicembre 2007

La biografia di Darwin

Come ho già scritto, ho letto l'autobiografia di Darwin. Due spunti:
  • "Poichè non andavo bene a scuola mio padre saggiamente me la fece abbandonare un po' prima dell'età abituale e mi mandò insieme con mio fratello (ottobre 1825) all'Università di Edimburgo". Beh, una soluzione brillante! A dire il vero mi è capitato spesso di avere in quinta superiore ragazzi svogliati che poi, fatto il salto all'Università, hanno studiato seriamente.
  • "... meditai molto sulla religione ... persi gradualmente la fede nella religione cristiana in quanto verità rivelata ... dopo la scoperta della legge della selezione naturale cade il vecchio argomento di un disegno nella natura ...". Eccolo: il miscredente! il materialista! che infatti scrive: "Mi sembra che per un uomo che non abbia la costante certezza dell'esistenza di un Dio personificato o di una vita futura con relativa ricompensa, l'unica regola della vita debba essere quella di seguire gli istinti, e gli istinti più forti o che gli appaiono migliori. Allo stesso modo, ma inconsciamente, agisce un cane."
C'è da stupirsi di tanta acrimonia che ancora perdura nei confronti di Darwin?  Dal dire che l'uomo deriva dalle scimmie al negare la verità rivelata e a proporre la regola degli istinti, il passo è breve!!
Ma vediamoli meglio, questi istinti: "l'uomo considera passato e futuro e confronta i suoi vari sentimenti, desideri e ricordi; e trova poi, d'accordo con il parere di tutti i più saggi, che la massima soddisfazione deriva dal seguire certi impulsi e precisamente gli istinti sociali. Se agisce per il bene altrui riceve l'approvazione degli altri uomini e conquista l'amore delle persone con cui vive, cioè la cosa più piacevole che ci sia sulla terra. A poco a poco troverà insopportabile obbedire alle passioni dei sensi piuttosto che agli impulsi superiori, che quando diventano abituali possono quasi esser chiamati istinti."
In altri termini: la morale non perchè rivelata, non in attesa di una ricompensa futura, ma in quanto frutto dell'evoluzione nella ricerca della felicità su questa terra.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. morale evoluzione darwin istinti

permalink | inviato da ravotto il 23/12/2007 alle 16:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



14 dicembre 2007

Darwin e la scuola

  Sto leggendo l'autobiografia di Darwin (1809 - 1882), scritta nei suoi ultimi anni.
Probabilmente ci tornerò in un altro post. Qui vorrei soffermarmi su alcuni suoi giudizi sulla scuola:
"Niente è stato tanto sfavorevole allo sviluppo della mia mente quanto la scuola del dott. ... nella quale non si studiava altro che un po' di storia e di filosofia antiche. Tale scuola fu per me assolutamente priva di valore educativo ... Si dava molta importanza alla ripetizione a memoria della lezione del giorno precedente ... ma l'esercizio era completamente inutile perchè dopo quarantottore avevo dimenticato ogni cosa ...".
"L'insegnamento a Edinburgo consisteva unicamente in lezioni, che erano insopportabilmente scialbe, a eccezione ...".
"Nei tre anni passati a Cambridge, per quanto riguarda gli studi accademici, persi completamente il mio tempo ...".

Nozionismo e lezioni scialbe nell'aristocratica Inghilterra vittoriana. Notate che Darwin critica non solo il fatto che le lezioni fossero scialbe, ma il fatto che il corso fosse costituito "unicamente" da lezioni. E non invece da ... (questo non lo ha scritto) ... attività degli studenti? discussioni? problem solving?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola darwin autobiografia

permalink | inviato da ravotto il 14/12/2007 alle 17:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     dicembre        febbraio
 
Blog letto 1 volte
da 11 agosto 2007




Add to Technorati Favorites
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

© CreativeCommons Attribution - Share Alike

Potete usare, distribuire e modificare i post di questo blog a patto di citare l'autore originario e di lasciare la stessa libertà sui prodotti derivati.



DA DOVE VI SIETE COLLEGATI

Locations of visitors to this page

Statistiche dal 10 febbraio 2008


ARTICOLI 2009
" Il contributo di EUCIP per una scuola delle competenze" Atti di Didamatica 2009, Trento
ARTICOLI 2008
"Il futuro dell'educazione - Discorso di apertura al XVII Encuentro International de Formacion a distancia" Guadalajara (MX), 2 dicembre 2008
Versione inglese
Versione nepalese
"Quali competenze digitali per insegnare al tempo del web2.0?" da "Atti del V congresso SIe-L", Trento 2008
"Usare in Moodle risorse didattiche presenti su SlideShare, YouTube e TeacherTube" da "Atti di Moodlemoot 2008, "
"eLearning e recupero dei debiti formativi" Convegno SIe-L, Roma, 20 maggio 2008
"Sostegno e recupero: usare la formazione in rete e gli strumenti digitali" da "Atti di Didamatica 2008, Parte II"
ARTICOLI 2007
"L'idea base di SLOOP: condividere free/open LO " (con G. Fulantelli) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"Ambiente di apprendimento e learning object: un'efficace sinergia" (con Berengo, Farinati, Masseroni, Petruzziello, Terenghi, Vimercati) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"I Learning Object nel web 2.0. Dal progetto SLOOP la proposta di open/free LO ed uno strumento per produrli in modo collaborativo" Atti del Congresso Nazionale AICA 2007 (Mantova, 27 settembre 2007)
"FreeLOms: uno strumento, prodotto nel progetto SLOOP, per la condivisione e la realizzazione collaborativa di “learning object" Atti del Convegno E-Learning. Esperienze e prospettive future: quali applicazioni? (Bressanone, 9 June 2007)
"L'uso di Moodle per il progetto SLOOP" Atti di MoodleMoot 2007 (Reggio Emilia, 22-23 marzo 2007)(con M. Terenghi)
ARTICOLI 2006
"Didattica in rete e didattica in presenza: l'integrazione possibile (abstract)" Congresso Proteo, Milano (31 ottobre 2006)
"Dalle scuole in rete ad una rete di scuole per la realizzazione di "free" Learning Object" Atti di Didamatica 2006, Cagliari (11-13 maggio 2006)
ARTICOLI 2005
"SLOOP: sviluppare un Free Learning Object Management System" Atti del secondo congresso SIe-L, Firenze, 9-11 novembre 2009
"SLOOP: un progetto europeo per un archivio condiviso di Free Learning Object" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005) (con M. Masseroni)
Versione inglese
"Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005)
"Il cubo della formazione in rete" Form@re, ottobre 2005
ARTICOLI 2004
"Dal Progetto SiR2 al Progetto OpenDida - Formazione insegnanti e produzione di materiali didattici per l’integrazione di formazione in presenza e formazione in rete" 1° Congresso SIe-L (Genova 25/26 novembre 2004)
"Condividere Free Learning Object: il progetto OpenDida" EXPO eLearning di Ferrara (9-12 ottobre 2004)
"The “open source” perspective in planning eLearning materials" ICETA 2004 - 3rd International Conference on Emerging Telecommunications Technologies and Applications, Kosice, Slovacchia, 16-18 settembre 2004
Versione italiana
ARTICOLI 2003
"Developing E-Learning Lessons, in Bridging the gap from the face to face to the elearning environment, Conference Papers" BiTE Conference Papers (Ipswich 5 Settembre 2003)
Versione italiana