.
Annunci online

  PierfrancoRavotto [ Un BLOG per parlare di condivisione e di collaborazione, nel mondo della scuola e della formazione ... e oltre ]
         

Un blog per partecipare alla costruzione collettiva di conoscenza, per condividere e scambiare idee, per scrivere come la penso. Per mantenere i contatti. Per ampliarli.

Chi sono
Avevo 20 anni nel 68, poi sono via via aumentati fino all'attuale età della pensione (e oltre).
Mi sono laureato in ingegneria ma ho scelto di fare l'insegnante saltando da una materia all'altra: matematica alle medie e alle "150 ore", Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione, Area di progetto, Sistemi organizzativi.
Dal 1980, all'ITSOS "Marie Curie" di Cernusco sul Naviglio, mi sono occupato di corsi post-diploma, di alternanza, di scambi con l'estero e di progetti di ricerca in ambito europeo (programmi Leonardo e Socrates).
Negli ultimi anni ho lavorato soprattutto sull'integrazione fra formazione in rete e formazione in presenza e ho promosso e coordinato il progetto SLOOP.
In pensione da settembre 2007, lavoro come consulente AICA e sono collaboratore del Laboratorio Tecnologie Educative (LTE) del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Firenze. Mi occupo di certificazioni nell'ambito delle ICT, di eLearning e in genere di uso delle tecnologie nella didattica.
Un tema che mi è caro è quello della condivisione di contenuti aperti per l'eLearning

La mia libreria su Anobii


5 giugno 2009

Invito a votare ... e a votare PD

Domani e domenica si vota, per il Parlamento europeo e per la Provincia di Milano.
Andrò a votare e - per quanto il PD non sia stato entusiamante, anzi, abbia deluso molte mie aspettative - andrò a votare PD. Vi spiego perchè.
O, per meglio dire, lo spiego a chi, come me di sinistra, è tentato dal non-voto di protesta o dal voto ad una delle varie formazioni "a sinistra" del PD.
  1. In primo luogo: il "chiamarsi fuori" non fornisce in realtà alibi a nessuno. Dice Lisbeth Salander, l'atipica eroina di Millennium - la trilogia di Stieg Larsson di cui parlerò in un prossimo blog -  "Nessuno è innocente, ci sono solo gradi diversi di responsabilità". Siamo in qualche modo tutti - intendo noi di sinistra, perlomeno quelli che hanno superato i 20 anni , o se preferite i 30 - responsabili dello stato della sinistra. Con gradi diversi di responsabilità, si intende. Ma chiamandoci fuori ci caricheremmo, invece, di nuove, negative, responsabilità.
  2. In secondo luogo penso che una "sconfitta" del PD, nel senso di un suo grave ridimensionamento rispetto ai risultati delle politiche, non genererebbe nessun effetto positivo, di miglioramento del PD stesso nel prossimo futuro. Anzi: la frammentazione ed i litigi interni aumenterebbero ed al contempo ci sarebbe un ulteriore abbandono dell'impegno da parte di quei tanti cittadini che ne costituiscono la linfa vitale.
  3. In terzo luogo ritengo vero quanto detto in uno slogan che il PD ha usato negli ultimi giorni: "solo un grande partito può fermare questa destra". Non è il riuscire a raggiungere il 2, 3, 4 % di qualche partitino che può rappresentare la base su cui costruire un'alternativa a questa destra. Ovviamente: non basta un PD "forte". Come si dice in matematica: è una condizione necessaria ma non sufficiente. Appunto: non è sufficiente, però è necessaria.
  4. Quarto: si vota per l'Europa. Dunque contribuiamo, con il voto italiano, a determinare quale sarà lo schieramento vincente in Europa, se quello progressista o quello di destra. Ciò ha una duplice implicazione: che siamo responsabili del nostro voto di fronte agli altri europei e che non possiamo aspettarci che sia l'Europa a far da contrappeso e salvaguardia al Berlusconismo se non contribuiamo a rafforzare le forze progressiste in Europa e comunque a dimostrare che l'Italia non è solo quella di Berlusconi e di Bossi.
E dunque, ben cosciente dei limiti del PD, lo voterò ... e vi invito a fare altrettanto.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd elezioni

permalink | inviato da ravotto il 5/6/2009 alle 20:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



22 maggio 2009

Un appello per Penati

Ricevo e pubblicizzo questo appello.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Scuola Penati Elezioni

permalink | inviato da ravotto il 22/5/2009 alle 17:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



13 aprile 2008

Si vota

Ho trovato sul blog del mio amico Antonio Fini due simpatici giochini elettorali.
Il primo è politometro:



Il secondo è "Io sono qui":

Elezioni 2008. Io sono qui. E tu dove sei?

Mi sono ritrovato nel primo vicino a Bertinotti (altrettanto laico ma più progressista :-) e nel secondo vicino a socialisti e Italia dei valori ... ma voto convinto per il Partito Democratico e per Walter Veltroni.

Si può fare!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd elezioni giochi

permalink | inviato da ravotto il 13/4/2008 alle 0:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



10 marzo 2008

Z ... come Zapatero

Il discorso di Zapatero dopo la vittoria elettorale. (Lo so, è in spagnolo, ma si capisce ugualmente quasi tutto).





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Elezioni Spagna PSO Zapatero

permalink | inviato da ravotto il 10/3/2008 alle 9:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



26 febbraio 2008

Il risultato elettorale in un cruciverba

Ho parlato nel post precedente del libro di Stefano Bartezzaghi, L'orizzonte verticale Invenzione e storia del cruciverba.
Un cruciverba particolare fu pubblicato dal New York Times il 5 novembre 1996: il giornale usciva, in concomitanza con il voto per la presidenza che contrapponeva Clinton a Bob Dole, con una definizione (39 orizzontale) che diceva: "Lead story in tomorrows paper (!)". La notizia principale del giorno successivo sarebbe stata sicuramente l'annuncio del vincitore.
Racconta Willy Shortz, responsabile del cruciverba: "Il mio telefono alla redazione del Times incominciò a suonare prima delle nove del mattino, e non la smise per tutto il giorno ... i solutori che trovarono Clinton pensavano che io fossi arrivato al massimo della presunzione e che avevo inserito illegittimamente opinioni politiche personali nel cruciverba. I solutori che avevano trovato BobDole pensarono che avessi fatto un errore grosso come una casa."
In realtà entrambe le soluzioni - ClintonElected e BobDoleElected - erano possibili grazie a un sapiente gioco sulle definizioni vertical. Per esempio:

  • nero animale di Halloween, compatibile sia con la C di Clinton (cat = gatto) che con la B di Bob Dole (bat = pipistrello),
  • brevi scritture, compatibile sia con la T di Clinton (bits = minime unità di informazione) che con la seconda O di Bob Dole (bios = biografie).
Volete esercitarvi con "Silvio" e "Walter"?




23 febbraio 2008

Un altro blog. Per il PD.

Penso si debba prendere posizione. L'ho già fatto e continuerò a farlo su questo blog. Ma questo è non è nato come blog "politico" e non vorrei mutarne la natura.
Ho quindi aperto un nuovo blog dedicato alle elezioni del 13 e 14 aprile: Ipotesi di voto.
Per dire e motivare la mia ipotesi di voto per il PD, per discuterla, per confrontarla - se ne avrete voglia - con i vostri punti di vista.

Eccovi l'indirizzo: www.ipotesidivoto.ilcannocchiale.it.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. blog pd elezioni

permalink | inviato da ravotto il 23/2/2008 alle 10:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



10 febbraio 2008

Elezioni ... da soli

Io all'Unione avevo creduto.
Mi piaceva il nome, mi piaceva quel popolo di centrosinistra - era il 14 ottobre 2005 - che andava alle primarie per scegliere il candidato premier: Prodi 73,5%, Bertinotti 15,4%, Mastella 4,6%. Ricordate?

Ci ho creduto. Mi sono considerato un componente dell'Unione, e ne ho considerato componenti tutti gli altri, quelli più vicini a me per storia, cultura, posizioni, e quelli più lontani. Diversità come patrimonio, diversità da riconoscerein una volontà unitaria (come dichiarava il nome). Per tre anni non ho parlato male nè di Mastella nè di Di Liberto, nè ... nè ... nè ... addirittura nemmeno di Lamberto!

Ma non mi sembra sia stata una posizione condivisa.  E non solo "al vertice", non solo da parte dei vari capipartito e frequentatori dei talk-show. Anche a livello di base, a scuola, in azienda, fra amici, per strada, in coda alle poste. Tutti, o quasi, dal giorno dopo le elezioni vinte di un soffio a parlar male degli "altri" dell'Unione. Unione: priva di un comune senso di unità.

E dunque condivido la scelta di cambiare pagina.
Ho sentito Di Liberto, sconcertato dalla scelta del PD di corerre da solo, lamentarsi: "Ma noi alla fine abbiamo sempre votato a favore". Appunto: "alla fine" e controvoglia.
Abbiamo dato un esempio di "Disunione". Che carica motivante potrebbe avere la ripetizione di quell'esperienza?

E quindi sì, condivido la scelta di Veltroni e del PD: correre da soli, ma con una proposta chiara, che sia valida anche il giorno dopo il voto.
Con la forte probabilità di essere minoranza, ma anche con la convinzione di poter conquistare la maggioranza: "Sì, si può fare".

PS
Nel riprendere lo slogan di Obama, penso Walter abbia interpretato il sentire di una gran parte del popolo del scentro-sinistra. Ecco il mio post del 27 gennaio.



sfoglia     maggio        luglio
 
Blog letto 1 volte
da 11 agosto 2007




Add to Technorati Favorites
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

© CreativeCommons Attribution - Share Alike

Potete usare, distribuire e modificare i post di questo blog a patto di citare l'autore originario e di lasciare la stessa libertà sui prodotti derivati.



DA DOVE VI SIETE COLLEGATI

Locations of visitors to this page

Statistiche dal 10 febbraio 2008


ARTICOLI 2009
" Il contributo di EUCIP per una scuola delle competenze" Atti di Didamatica 2009, Trento
ARTICOLI 2008
"Il futuro dell'educazione - Discorso di apertura al XVII Encuentro International de Formacion a distancia" Guadalajara (MX), 2 dicembre 2008
Versione inglese
Versione nepalese
"Quali competenze digitali per insegnare al tempo del web2.0?" da "Atti del V congresso SIe-L", Trento 2008
"Usare in Moodle risorse didattiche presenti su SlideShare, YouTube e TeacherTube" da "Atti di Moodlemoot 2008, "
"eLearning e recupero dei debiti formativi" Convegno SIe-L, Roma, 20 maggio 2008
"Sostegno e recupero: usare la formazione in rete e gli strumenti digitali" da "Atti di Didamatica 2008, Parte II"
ARTICOLI 2007
"L'idea base di SLOOP: condividere free/open LO " (con G. Fulantelli) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"Ambiente di apprendimento e learning object: un'efficace sinergia" (con Berengo, Farinati, Masseroni, Petruzziello, Terenghi, Vimercati) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"I Learning Object nel web 2.0. Dal progetto SLOOP la proposta di open/free LO ed uno strumento per produrli in modo collaborativo" Atti del Congresso Nazionale AICA 2007 (Mantova, 27 settembre 2007)
"FreeLOms: uno strumento, prodotto nel progetto SLOOP, per la condivisione e la realizzazione collaborativa di “learning object" Atti del Convegno E-Learning. Esperienze e prospettive future: quali applicazioni? (Bressanone, 9 June 2007)
"L'uso di Moodle per il progetto SLOOP" Atti di MoodleMoot 2007 (Reggio Emilia, 22-23 marzo 2007)(con M. Terenghi)
ARTICOLI 2006
"Didattica in rete e didattica in presenza: l'integrazione possibile (abstract)" Congresso Proteo, Milano (31 ottobre 2006)
"Dalle scuole in rete ad una rete di scuole per la realizzazione di "free" Learning Object" Atti di Didamatica 2006, Cagliari (11-13 maggio 2006)
ARTICOLI 2005
"SLOOP: sviluppare un Free Learning Object Management System" Atti del secondo congresso SIe-L, Firenze, 9-11 novembre 2009
"SLOOP: un progetto europeo per un archivio condiviso di Free Learning Object" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005) (con M. Masseroni)
Versione inglese
"Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005)
"Il cubo della formazione in rete" Form@re, ottobre 2005
ARTICOLI 2004
"Dal Progetto SiR2 al Progetto OpenDida - Formazione insegnanti e produzione di materiali didattici per l’integrazione di formazione in presenza e formazione in rete" 1° Congresso SIe-L (Genova 25/26 novembre 2004)
"Condividere Free Learning Object: il progetto OpenDida" EXPO eLearning di Ferrara (9-12 ottobre 2004)
"The “open source” perspective in planning eLearning materials" ICETA 2004 - 3rd International Conference on Emerging Telecommunications Technologies and Applications, Kosice, Slovacchia, 16-18 settembre 2004
Versione italiana
ARTICOLI 2003
"Developing E-Learning Lessons, in Bridging the gap from the face to face to the elearning environment, Conference Papers" BiTE Conference Papers (Ipswich 5 Settembre 2003)
Versione italiana