.
Annunci online

  PierfrancoRavotto [ Un BLOG per parlare di condivisione e di collaborazione, nel mondo della scuola e della formazione ... e oltre ]
         

Un blog per partecipare alla costruzione collettiva di conoscenza, per condividere e scambiare idee, per scrivere come la penso. Per mantenere i contatti. Per ampliarli.

Chi sono
Avevo 20 anni nel 68, poi sono via via aumentati fino all'attuale età della pensione (e oltre).
Mi sono laureato in ingegneria ma ho scelto di fare l'insegnante saltando da una materia all'altra: matematica alle medie e alle "150 ore", Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione, Area di progetto, Sistemi organizzativi.
Dal 1980, all'ITSOS "Marie Curie" di Cernusco sul Naviglio, mi sono occupato di corsi post-diploma, di alternanza, di scambi con l'estero e di progetti di ricerca in ambito europeo (programmi Leonardo e Socrates).
Negli ultimi anni ho lavorato soprattutto sull'integrazione fra formazione in rete e formazione in presenza e ho promosso e coordinato il progetto SLOOP.
In pensione da settembre 2007, lavoro come consulente AICA e sono collaboratore del Laboratorio Tecnologie Educative (LTE) del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Firenze. Mi occupo di certificazioni nell'ambito delle ICT, di eLearning e in genere di uso delle tecnologie nella didattica.
Un tema che mi è caro è quello della condivisione di contenuti aperti per l'eLearning

La mia libreria su Anobii


29 ottobre 2007

Le risposte di Alex

Ho terminato la lettura di un libro cui ho già fatto riferimento (post1) (post2): "In viaggio con Alex. la vita e gli incontri di Alex Langer (1946- 1995)".
Alex ci ha lasciato prima dei suoi cinquant'anni, con un biglietto: "I pesi mi sono divenuti davvero insostenibili ... continuate in ciò che era giusto".

Per una vita Alex si è speso - da militante, da consigliere provinciale a Bolzano e da parlamentare europeo - su due temi: quello della convivenza interetnica (e dunque della pace) e quello della salvaguardia dell'ambiente. Due temi che, prima di molti altri, ha visto intrecciati.

Il problema interetnico lo ha vissuto nella sua terra, il Sudtirolo, e lo ha ritrovato, drammatico, nella dissoluzione della Jugoslavia negli anni '90. La sua risposta è stato il lavoro sui gruppi misti: avere, in una realtà di conflitto "almeno un gruppo composito ... plurietnico, plurireligioso ... a chi fa parte di un gruppo misto è data una migliore comprensione di quello che vogliono, che pensano gli altri ... si è obbligati in tutto quello che si fa a misurare la compatibilità con gli altri ...".

Il problema ecologico - la necessità di armonizzare i nostri comportamenti con la biosfera in cui viviamo, i gravi pericoli cui l'umanità va incontro - lo ha colto prima di molti di noi. E si è posto il problema di "... come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile una svolta verso la conversione ecologica".

Forse ha sentito troppo pesanti gli impegni, troppo scarse le forze rispetto alle necessità. "E poi quella corda da montagna acquistata poco prima; il campo  ... e l'albero di albicocco su cui stringere il nodo".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Alex Langer

permalink | inviato da ravotto il 29/10/2007 alle 17:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



18 ottobre 2007

Alex e la certificazione ambientale e sociale dei prodotti

Come ho già scritto, sto leggendo In viaggio con Alex (Fabio Levi, Feltrinelli). Alex è Alexander Langer, uno dei promotori della nascita del movimento verde in Italia, teso a saldare la salvaguardia dell'ambiente con quella dei "poveri".
In una Lettera ad un consumatore del Nord parlava, nel 1990, di "praticare una maggiore autodeterminazione, su punti apparentemente poco politici ed eroici, quali la scelta della nostra alimentazione", di "scambi meno iniqui e meno nocivi", di "assicurarci che la qualità ambientale e sociale dei prodotti che acquistiamo contribuisca al riequilibrio invece che provocare squarci e ferite".

Leggendo ho pensato ad un marchio sui prodotti, una certificazione del tipo: "il sistema di produzione è tale da non danneggiare l'ambiente né le popolazioni".
Qua e là qualcosa del genere già esiste.

In Collasso, che ho ripetutamente citato in questo blog, Diamond cita il marchio SFC che identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici.


Clicca qui per FSC-Italia: la Forest Stewardship Council, e' una ONG internazionale, indipendente e senza scopo di lucro, che include tra i suoi membri gruppi ambientalisti e sociali, comunita' indigene, proprietari forestali, industrie che lavorano e commerciano il legno, scienziati e tecnici che operano insieme per migliorare la gestione delle foreste in tutto il mondo.

Nella stessa direzione va il marchio Altro Mercato

clicca qui per il sito
anche se in questo caso non si tratta di una certificazione esterna ma di un consorzio di cooperative o associazioni attive nel commercio equo e solidale.



sfoglia     settembre        novembre
 
Blog letto 1 volte
da 11 agosto 2007




Add to Technorati Favorites
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

© CreativeCommons Attribution - Share Alike

Potete usare, distribuire e modificare i post di questo blog a patto di citare l'autore originario e di lasciare la stessa libertà sui prodotti derivati.



DA DOVE VI SIETE COLLEGATI

Locations of visitors to this page

Statistiche dal 10 febbraio 2008


ARTICOLI 2009
" Il contributo di EUCIP per una scuola delle competenze" Atti di Didamatica 2009, Trento
ARTICOLI 2008
"Il futuro dell'educazione - Discorso di apertura al XVII Encuentro International de Formacion a distancia" Guadalajara (MX), 2 dicembre 2008
Versione inglese
Versione nepalese
"Quali competenze digitali per insegnare al tempo del web2.0?" da "Atti del V congresso SIe-L", Trento 2008
"Usare in Moodle risorse didattiche presenti su SlideShare, YouTube e TeacherTube" da "Atti di Moodlemoot 2008, "
"eLearning e recupero dei debiti formativi" Convegno SIe-L, Roma, 20 maggio 2008
"Sostegno e recupero: usare la formazione in rete e gli strumenti digitali" da "Atti di Didamatica 2008, Parte II"
ARTICOLI 2007
"L'idea base di SLOOP: condividere free/open LO " (con G. Fulantelli) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"Ambiente di apprendimento e learning object: un'efficace sinergia" (con Berengo, Farinati, Masseroni, Petruzziello, Terenghi, Vimercati) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"I Learning Object nel web 2.0. Dal progetto SLOOP la proposta di open/free LO ed uno strumento per produrli in modo collaborativo" Atti del Congresso Nazionale AICA 2007 (Mantova, 27 settembre 2007)
"FreeLOms: uno strumento, prodotto nel progetto SLOOP, per la condivisione e la realizzazione collaborativa di “learning object" Atti del Convegno E-Learning. Esperienze e prospettive future: quali applicazioni? (Bressanone, 9 June 2007)
"L'uso di Moodle per il progetto SLOOP" Atti di MoodleMoot 2007 (Reggio Emilia, 22-23 marzo 2007)(con M. Terenghi)
ARTICOLI 2006
"Didattica in rete e didattica in presenza: l'integrazione possibile (abstract)" Congresso Proteo, Milano (31 ottobre 2006)
"Dalle scuole in rete ad una rete di scuole per la realizzazione di "free" Learning Object" Atti di Didamatica 2006, Cagliari (11-13 maggio 2006)
ARTICOLI 2005
"SLOOP: sviluppare un Free Learning Object Management System" Atti del secondo congresso SIe-L, Firenze, 9-11 novembre 2009
"SLOOP: un progetto europeo per un archivio condiviso di Free Learning Object" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005) (con M. Masseroni)
Versione inglese
"Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005)
"Il cubo della formazione in rete" Form@re, ottobre 2005
ARTICOLI 2004
"Dal Progetto SiR2 al Progetto OpenDida - Formazione insegnanti e produzione di materiali didattici per l’integrazione di formazione in presenza e formazione in rete" 1° Congresso SIe-L (Genova 25/26 novembre 2004)
"Condividere Free Learning Object: il progetto OpenDida" EXPO eLearning di Ferrara (9-12 ottobre 2004)
"The “open source” perspective in planning eLearning materials" ICETA 2004 - 3rd International Conference on Emerging Telecommunications Technologies and Applications, Kosice, Slovacchia, 16-18 settembre 2004
Versione italiana
ARTICOLI 2003
"Developing E-Learning Lessons, in Bridging the gap from the face to face to the elearning environment, Conference Papers" BiTE Conference Papers (Ipswich 5 Settembre 2003)
Versione italiana