.
Annunci online

  PierfrancoRavotto [ Un BLOG per parlare di condivisione e di collaborazione, nel mondo della scuola e della formazione ... e oltre ]
         

Un blog per partecipare alla costruzione collettiva di conoscenza, per condividere e scambiare idee, per scrivere come la penso. Per mantenere i contatti. Per ampliarli.

Chi sono
Avevo 20 anni nel 68, poi sono via via aumentati fino all'attuale età della pensione (e oltre).
Mi sono laureato in ingegneria ma ho scelto di fare l'insegnante saltando da una materia all'altra: matematica alle medie e alle "150 ore", Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione, Area di progetto, Sistemi organizzativi.
Dal 1980, all'ITSOS "Marie Curie" di Cernusco sul Naviglio, mi sono occupato di corsi post-diploma, di alternanza, di scambi con l'estero e di progetti di ricerca in ambito europeo (programmi Leonardo e Socrates).
Negli ultimi anni ho lavorato soprattutto sull'integrazione fra formazione in rete e formazione in presenza e ho promosso e coordinato il progetto SLOOP.
In pensione da settembre 2007, lavoro come consulente AICA e sono collaboratore del Laboratorio Tecnologie Educative (LTE) del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Firenze. Mi occupo di certificazioni nell'ambito delle ICT, di eLearning e in genere di uso delle tecnologie nella didattica.
Un tema che mi è caro è quello della condivisione di contenuti aperti per l'eLearning

La mia libreria su Anobii


29 novembre 2008

Arriba Mexico

Parto domani per Guadalajara. Sono stato invitato al XVII Encuentro Internacional de Education a Distancia organizzato dalla Universitad Virtual.
Ovviamente ne sono stato contento. In questo XVII incontro ci sono diversi italiani come ospiti, il fatto che abbiano invitato anche me è un "successo" della mia web presence, ma soprattutto dell'impatto del progetto SLOOP.
Quello che non mi aspettavo quando ho inizialmente accettato è ritrovarmi ad aprire la conferenza con un intervento dal titolo ambizioso: Il futuro dell'educazione. Gasp! :-)
Ho cercato di scrivere delle cose intelligenti, ma ... sono un po' in ansia. Diciamo che se va male darò la colpa al Jet Lag o al fatto di parlare in inglese a persone di lingua spagnola :-))

Comunque: vi racconterò della conferenza e del Messico.

Hasta la vista amigos y companeros.





22 novembre 2008

Quarant'anni

Ho iniziato il mio profilo - nella colonna di sinistra qui a fianco - scrivendo "Avevo 20 anni nel 68 ...". Un modo per dichiarare la mia età ma anche per suggerire un background cultural-politico di questo blog: da lì provengo.

E nonostante questo non ho ancora dedicato neanche un post, se non ricordo male, al quarantennale di quell'esperienza così importante per molti di noi ma forse per l'intera società italiana ,vista l'acredine con cui molta destra attribuisce al 68 l'origine di tutti i nostri mali.
Lo faccio adesso per raccontare che sabato scorso ho partecipato, a Fisica qui a Milano, ad un incontro del "movimento di Città Studi", o per meglio dire del movimento di Scienze (Fisica, Chimica, Biologia, Geologia, Farmacia, ...) con qualche aggiunta delle altre facoltà.

Un'iniziativa alla cui riuscita ho collaborato (poco) aprendo un GoogleGroup, 68CittaStudi che è stato usato per organizzare l'evento, per raccogliere foto dell'epoca e per aprire  una discussione che sta continuando.

Una bella iniziativa, un'occasione per ritrovare amici con cui si erano persi i contatti e per ritrovare tante facce di cui si era perso il ricordo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. incontro 68 sessantotto

permalink | inviato da ravotto il 22/11/2008 alle 19:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



20 novembre 2008

Facebook

Devo, ai miei 25 lettori, qualche scusa. Ho lasciato passare 10 giorni senza nemmeno un post.
Sono stato un po' preso da alcune scadenze per AICA-EUCIP, dalla stesura del paper per il prossimo intervento in Messico (credo di avervene accennato) e da un convegno in Ungheria del progetto TeNeGen.

Ma la colpa è anche di FaceBook. Mi sono da poco iscritto a questo ambiente di socialnetwork e ... mi sta portando via tempo. Capisco perchè in molti uffici sia stato interdetto. Vedo, per esempio, che molti dei miei ex-studenti, attualmente al lavoro, sono collegati in permanenza. Se mando una richiesta di amicizia ottengo una risposta immediata, se inserisco una foto di classe la taggano immediatamente!
Evitando di farsi distrarre (devo ancora imparare :-) è uno strumento di socialità molto carino.
Come ho detto intrattengo rapporti con i miei ex-studenti (ho creato un gruppo Ravotto's students per ora con 43 iscritti), ho avuto occasione di scambiare qualche notizia con (ex-)bambini che frequentavano casa mia quando anche i miei figli erano piccoli e che non ho più occasioni di incontare di persona, ho scambiato auguri di buon compleanno con qualche messicano che conoscerò prossimamente a Guadalajara, ho fatto amicizia con l'ungherese Istvan con cui sono poi andato a cena a Godollo e sto mantenendo i contatti con la turca Selin che pure partecipa a Tenegen.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. facebook tenegen Guadalajara

permalink | inviato da ravotto il 20/11/2008 alle 9:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



9 novembre 2008

Rossoamaro

Immagine di Rossoamaro

Non conoscevo questo detective privato ligure, ma adesso cercherò altri libri di cui è il personaggio.

Una storia che si intreccia fra il 1944 e l'oggi. Un presente in cui Bacci combatte sadici assassini di prostitute e interroga vecchi partigiani per scoprire avvenimenti di un passato ormai lontano, in cui si sono svolti avvenimenti drammatici con eroismi e con scelte crudeli.
Bello.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Rossoamaro Bruno Morchio Bacci Pagano

permalink | inviato da ravotto il 9/11/2008 alle 20:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



5 novembre 2008

Yes they did. Grazie America!

Yes we can è stato lo slogan della campagna di Obama, sin dalle primarie. Lo hanno fatto!
Hope, speranza, e change, cambiamento, sono state le due parole d'ordine. Ma come Barak Obama ha ripetutamente sostenuto il cambiamento è una necessità.



Noi, non americani, soprattutto noi europei, abbiamo "tifato" Obama sperando nel cambiamento. La maggior parte del popolo americano ne ha riconosciuto la necessità. Grazie.
Ecco la prima parte del discorso di Obama dopo la vittoria.



La seconda parte la trovate qui: http://it.youtube.com/watch?v=WI7B-V0GnJw




4 novembre 2008

The hope: the change we need



Speranza, cambiamento, necessità del cambiamento: domani sapremo se il popolo americano avrà scelto il cambiamento, se si sarà reso conto della necessità di cambiare, se si sarà aperto alla speranza. Una scelta nelle loro mani ma che riguarda tutti noi.

Nel "Prologo" del suo libro - L'audacia della speranza - Barack Obama scriveva (2006): "Di recente, una giornalista che si occupa del campidoglio mi ha fermato sulla strada dell'ufficio e mi ha detto che le era piaciuto il mio primo libro. «Mi chiedo» disse «se lei potrà risultare altrettanto interessante nel prossimo». E con questo intendeva domandarsi se potrò essere altrettanto onesto ora che sono al Senato degli Stati Uniti.
Me lo chiedo anch'io, a volte. Spero che scrivere questo libro mi aiuti a rispondere a questa domanda".

Non è irrilevante il porsi pubblicamente quella domanda. Spero che domani se ne possa porre un'altra: se sarà altrettanto onesto ora che sarà Presidente degli Stati Uniti.

Ecco il canale della campagna di Barack Obama su YouTube: http://it.youtube.com/user/barackobamadotcom?ob=4




3 novembre 2008

20 novembre a Gorizia:

Ricevo da Raffaella Bombi, anche lei come me nel Direttivo SIe-L, l'invito ad un convegno organizzato, dall'Università di udine, a Gorizia:




Gorizia è lontana e non credo potrò partecipare, ma per chi abita da quelle parti penso sia un convegno da consigliare. Conosco e apprezzo la maggior parte dei relatori: Simone, Federici, Schaerf, Colorni e Minerva, oltre a Raffaella.
Buon lavoro.



sfoglia     ottobre        dicembre
 
Blog letto 1 volte
da 11 agosto 2007




Add to Technorati Favorites
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

© CreativeCommons Attribution - Share Alike

Potete usare, distribuire e modificare i post di questo blog a patto di citare l'autore originario e di lasciare la stessa libertà sui prodotti derivati.



DA DOVE VI SIETE COLLEGATI

Locations of visitors to this page

Statistiche dal 10 febbraio 2008


ARTICOLI 2009
" Il contributo di EUCIP per una scuola delle competenze" Atti di Didamatica 2009, Trento
ARTICOLI 2008
"Il futuro dell'educazione - Discorso di apertura al XVII Encuentro International de Formacion a distancia" Guadalajara (MX), 2 dicembre 2008
Versione inglese
Versione nepalese
"Quali competenze digitali per insegnare al tempo del web2.0?" da "Atti del V congresso SIe-L", Trento 2008
"Usare in Moodle risorse didattiche presenti su SlideShare, YouTube e TeacherTube" da "Atti di Moodlemoot 2008, "
"eLearning e recupero dei debiti formativi" Convegno SIe-L, Roma, 20 maggio 2008
"Sostegno e recupero: usare la formazione in rete e gli strumenti digitali" da "Atti di Didamatica 2008, Parte II"
ARTICOLI 2007
"L'idea base di SLOOP: condividere free/open LO " (con G. Fulantelli) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"Ambiente di apprendimento e learning object: un'efficace sinergia" (con Berengo, Farinati, Masseroni, Petruzziello, Terenghi, Vimercati) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"I Learning Object nel web 2.0. Dal progetto SLOOP la proposta di open/free LO ed uno strumento per produrli in modo collaborativo" Atti del Congresso Nazionale AICA 2007 (Mantova, 27 settembre 2007)
"FreeLOms: uno strumento, prodotto nel progetto SLOOP, per la condivisione e la realizzazione collaborativa di “learning object" Atti del Convegno E-Learning. Esperienze e prospettive future: quali applicazioni? (Bressanone, 9 June 2007)
"L'uso di Moodle per il progetto SLOOP" Atti di MoodleMoot 2007 (Reggio Emilia, 22-23 marzo 2007)(con M. Terenghi)
ARTICOLI 2006
"Didattica in rete e didattica in presenza: l'integrazione possibile (abstract)" Congresso Proteo, Milano (31 ottobre 2006)
"Dalle scuole in rete ad una rete di scuole per la realizzazione di "free" Learning Object" Atti di Didamatica 2006, Cagliari (11-13 maggio 2006)
ARTICOLI 2005
"SLOOP: sviluppare un Free Learning Object Management System" Atti del secondo congresso SIe-L, Firenze, 9-11 novembre 2009
"SLOOP: un progetto europeo per un archivio condiviso di Free Learning Object" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005) (con M. Masseroni)
Versione inglese
"Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005)
"Il cubo della formazione in rete" Form@re, ottobre 2005
ARTICOLI 2004
"Dal Progetto SiR2 al Progetto OpenDida - Formazione insegnanti e produzione di materiali didattici per l’integrazione di formazione in presenza e formazione in rete" 1° Congresso SIe-L (Genova 25/26 novembre 2004)
"Condividere Free Learning Object: il progetto OpenDida" EXPO eLearning di Ferrara (9-12 ottobre 2004)
"The “open source” perspective in planning eLearning materials" ICETA 2004 - 3rd International Conference on Emerging Telecommunications Technologies and Applications, Kosice, Slovacchia, 16-18 settembre 2004
Versione italiana
ARTICOLI 2003
"Developing E-Learning Lessons, in Bridging the gap from the face to face to the elearning environment, Conference Papers" BiTE Conference Papers (Ipswich 5 Settembre 2003)
Versione italiana