.
Annunci online

  PierfrancoRavotto [ Un BLOG per parlare di condivisione e di collaborazione, nel mondo della scuola e della formazione ... e oltre ]
         

Un blog per partecipare alla costruzione collettiva di conoscenza, per condividere e scambiare idee, per scrivere come la penso. Per mantenere i contatti. Per ampliarli.

Chi sono
Avevo 20 anni nel 68, poi sono via via aumentati fino all'attuale età della pensione (e oltre).
Mi sono laureato in ingegneria ma ho scelto di fare l'insegnante saltando da una materia all'altra: matematica alle medie e alle "150 ore", Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione, Area di progetto, Sistemi organizzativi.
Dal 1980, all'ITSOS "Marie Curie" di Cernusco sul Naviglio, mi sono occupato di corsi post-diploma, di alternanza, di scambi con l'estero e di progetti di ricerca in ambito europeo (programmi Leonardo e Socrates).
Negli ultimi anni ho lavorato soprattutto sull'integrazione fra formazione in rete e formazione in presenza e ho promosso e coordinato il progetto SLOOP.
In pensione da settembre 2007, lavoro come consulente AICA e sono collaboratore del Laboratorio Tecnologie Educative (LTE) del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Firenze. Mi occupo di certificazioni nell'ambito delle ICT, di eLearning e in genere di uso delle tecnologie nella didattica.
Un tema che mi è caro è quello della condivisione di contenuti aperti per l'eLearning

La mia libreria su Anobii


17 novembre 2007

Liberiamo magenta e silver blue

Nel fascicolo conclusivo del progetto SLOOP ho scritto, insieme al mio amico Giovanni Fulantelli: "Due tendenze diverse si confrontano e si scontrano in una pluralità di campi: "aprire" o "chiudere"?  Permettere e facilitare l'accesso alle risorse – alla terra, all'acqua, alle medicine, alla musica, alle informazioni, alle idee, ... – o limitarlo a  protezione di legittimi interessi, la proprietà di un bene, di un brevetto, la paternità di un'idea, il diritto alla privacy?
Confronto e scontro antico, che nell'era della globalizzazione e del digitale acquista aspetti nuovi e diversi.
Si pensi al campo dei brevetti, dove hanno fatto storia la causa del governo indiano contro la RiceTec che aveva brevettato, presso l'Ufficio USA dei brevetti, il riso Basnati e quella delle multinazionali sanitarie contro il governo del Sudafrica per i farmaci anti-AIDS sottocosto. ....".

Ecco un nuovo, clamoroso, esempio: la Deutsche Telekom ha registrato come marchio non solo il proprio logo ma anche il colore che lo contraddistingue: il Magenta. Non ho capito bene se avendolo usato potrei essere oggetto di una causa o se questo vale solo in Germania.


Trovate questa e altre immagini della campagna
per la liberazione del magenta su
http://www.freemagenta.nl/

Così, alla discussione se si possa privatizzare un bene primario come l'acqua, ne dobbiamo aggiungere un'altra: si può privatizzare un colore?
C'è chi pensa di sì, evidentemente. Anche Red Bull ha registrato il Silver-blue che compare nel suo marchio.

La cosa adesso è in mano agli avvocati, perchè per fortuna l'Unione Europea contesta una tale registrazione.
Ma questo è il punto: per secoli abbiamo usato i colori convinti che non fossero proprietà di nessuno (il Magenta, a dire il vero lo usiamo solo dal 1859, prende il nome di Magenta proprio dalla famosa battaglia, vedi wikipedia) e adesso invece ci troviamo a discuterne perchè qualcuno dice "è mio, l'ho brevettato" !



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. libertà brevetti magenta silver-blue

permalink | inviato da ravotto il 17/11/2007 alle 18:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



16 novembre 2007

Moratoria alla pena di morte

Approvata in Commissione il passaggio della proposta di sottoporre all'Assemblea delle Nazioni Unite la moratoria alla pena di morte.
Mi sembra sia una buona notizia. Ed è anche un successo del governo italiano che a quella proposta ha lavorato per lunghi mesi.

Ecco il video della votazione


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pena di morte moratoria

permalink | inviato da ravotto il 16/11/2007 alle 18:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



15 novembre 2007

Web 2.0 Una presentazione

Web 2.0 è un termine introdotto da Tim O'Leary che si è velocemente affermato. Ma cos'è il web 2.0?

Eccone una presentazione (da slideshare, il sito per la condivisione di presentazioni):


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. web 2.0

permalink | inviato da ravotto il 15/11/2007 alle 22:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



13 novembre 2007

Un sito per l'educazione alla tolleranza



Quella qui sopra è la home page del sito tolerance.it (versione italiana): http://www.tolerance.it
Il sito, che ha anche una versione inglese ed una francese, nasce da un'idea di Umberto Eco, Furio Colombo e Jacques Le Goff.

E' in costruzione e si è invitati a contribuire a realizzarlo. Ma già adesso può essere una buona base di partenza per un discorso sulla tolleranza.
Come scrive Eco nell'introduzione: "È un manuale destinato a persone che intendono educare i ragazzi alla accettazione della diversità. Essi possono essere insegnanti di scuola o anche persone che decidono di riunire dei ragazzi per organizzare uno stage di educazione alla diversità. Non si è stabilita l'età minima e massima dei ragazzi, perché la scelta deve dipendere dall'educatore, secondo i luoghi e le circostanze."

Usiamolo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. eco colombo tolleranza diversità le goff

permalink | inviato da ravotto il 13/11/2007 alle 21:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



12 novembre 2007

La mia prima riunione su SKYPE

Sono abituato alle riunioni in presenza. Ho fatto qualche rara esperienza di videoconferenza, piuttosto complicata (colpa magari del sistema usato che richiedeva un tecnico, una prenotazione da Telecom, ...).
Ho partecipato anche ad una conferenza telefonica, ma anche in quel caso con la necessità di una "predisposizione" e dell'organizzazione con Telecom.

Oggi, per la prima volta, ho sperimentato l'uso di Skype che, in precedenza, avevo usato solo per contatti a due.
Incontro a 6 - Torino, Milano, La Spezia, Firenze, Cassino, Salerno - riuscito molto bene. Nessun costo, nessuna complicazione tecnica, salvo la necessità, per chi ha attivato la conferenza, di conoscere il nickname Skype dei partecipanti.
Un'ora di incontro ha richiesto solo un'ora, ben diverso da quello che sarebbe successo se tutti meno uno avessero dovuto spostarsi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. conferenza riunione skype

permalink | inviato da ravotto il 12/11/2007 alle 19:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



11 novembre 2007

Oggi ho giocato a golf

Oggi, come quasi tutte le domeniche, ho giocato a golf, o per meglio dire ho fatto una gara, quella di chiusura, al mio circolo, del 2007. Riprenderemo le gare in febbraio o marzo.

Ho fatto 36 punti stableford che è un buon risultato, anche se non sufficiente per vincere. Era una bellissima giornata di sole, aria limpida grazie al vento di questi giorni, calda: quasi rimpiangevo di aver messo una polo con maniche lunghe anzichè quella con le maniche corte.

Una gara di golf è lunga: il mio team ha iniziato il giro alle 10.50 e lo abbiamo terminato alle 16.30. Tenendo conto del viaggio, di un po' di campo pratica, delle premiazioni alla fine e del ritorno se ne è andata tutta la giornata.
Una buona giornata.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. golf domenica

permalink | inviato da ravotto il 11/11/2007 alle 18:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



10 novembre 2007

L'età dell'oro non è esistita

Come ho scritto ieri, sto leggendo Il terzo Scimpanzè di Jared Diamond.


Diamond ribalta molti luoghi comuni (a maggior ragione se ci si riferisce a 16 anni fa, quando è stato scritto).

Per quanto riguarda il linguaggio e l'arte che sono due degli aspetti che più contraddistinguono l'uomo dagli altri animali, indica come forme "primitive" di linguaggio, ma anche di arte, esistano in altri animali.
E anche per quanto riguarda la violenza contro i propri simili, la guerra e il genocidio - altro aspetto che, drammaticamente, sembra contraddistinguere l'uomo - evidenzia continuità con quanto avviene, anche in qui in modo più "primitivo", nel senso di meno efficiente, nel mondo animale e, in particolare fra i primati a noi più prossimi: gli scimpanzè.

Un altro aspetto negativo che sembra caratterizzarci è il depauperamento dell'ambiente in cui viviamo, la distruzione di altre speci, la messa in pericolo della nostra stessa sopravvivenza. Ma anche qui, invece, Diamond sottolinea l'esistenza di continuità con speci animali. E a maggior ragione c'è continuità con gli uomini primitivi (che spesso hanno portato le  proprie società al collasso, come racconterà nel libro più recente).
Non esiste dunque un'età dell'oro in cui gli uomini vivevano in armonia con la natura. I disastri che combiniamo sono, mi sembra si debba intendere il filo della narrazione, il portato della nostra natura di scimpanzè, molto evoluto su alcuni terreni, non ancora a sufficienza su molti altri.

Il nostro progresso ci ha portato ad essere 7 miliardi, ai limiti delle risorse del pianeta su cui viviamo, ad aver realizzato tecnologie che modificano significativamente il clima, e ad aver accumulato armamenti in grado di distruggerci. Riusciremo - questa la domanda che mi pare emergere da questo e dai libri successivi - ad evolvere culturalmente in modo tale da evitare il disastro?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. diamond terzo scimpanzè età dell'oro

permalink | inviato da ravotto il 10/11/2007 alle 17:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



9 novembre 2007

Il terzo scimpanzè

Sto leggendo Il terzo Scimpanzè di Jared Diamond, scritto nel 1991, prima di Armi, acciaio e malattie e di Collasso cui ho dedicato vari post.
Il sottotitolo è Ascesa e caduta del primate Homo sapiens. Il titolo originale è The rise and the fall of the Third Scimpazee.



Quindi un libro che parla di noi, come La scimmia nuda di Desmond Morris, osservandoci come "un semplice mammifero di grossa taglia". Un primate che ha conquistato il mondo ma che ha anche "acquistato la capacità di rovesciare questo progresso dall'oggi al domani".
Un libro che consiglio e che farei studiare a scuola.

Ne riparlerò


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. morris diamond scimmia nuda terzo scimpanzè

permalink | inviato da ravotto il 9/11/2007 alle 18:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



8 novembre 2007

Ordinanza sul "rinvio a settembre"

Con l'ordinanza 92, del 5 novembre, il ministro Fioroni ha precisato i termini relativi alle iniziative di recupero e alla sospensione del giudizio finale - d'ora in avanti si dirà così e non rimandati a settembre - per gli studenti con insufficienze "recuperabili".

Gli studenti che temevano la "bocciatura" a seguito di un'unica insufficienza non completamente superata possono tranquillizzarsi. Prima dell'inizio del nuovo anno, nei confronti degli studenti il cui giudizio è stato sospeso, "il consiglio di classe, alla luce delle verifiche effettuate … delibera la integrazione dello scrutinio finale, espresso sulla base di una valutazione complessiva dello studente, che, in caso di esito positivo, comporta l’ammissione dello stesso alla frequenza della classe successiva". Dunque, come del resto era ovvio, l'ammissione alla classe successiva non dipende solo dall'esito della verifica del debito/dei debiti ma da una valutazione complessiva.

Il dato più rilevante dell'ordinanza a me pare l'insistenza sulla necessità di un miglioramento del servizio offerto dalle scuole:

  • "le attività  di recupero costituiscono parte ordinaria e permanente …",
  • "… gli interventi di sostegno … hanno lo scopo fondamentale di prevenire l’insuccesso scolastico e si realizzano, pertanto, in ogni periodo dell’anno scolastico, a cominciare dalle fasi iniziali",
  • le attività di recupero devono essere preventive, "finalizzate alla progressiva riduzione di quelle di recupero dei debiti",
  • "le scuole promuovono e favoriscono la partecipazione attiva degli studenti alle iniziative di sostegno programmate".
Direi che c'è anche un invito alle scuole ad essere "creative" nella ricerca delle soluzioni più utili:
  • "… può essere adottata una articolazione diversa da quella per classe …",
  • "… calendari delle lezioni che prevedano soluzioni flessibili e differenziate …",
  • "… realizzati nell’ambito della utilizzazione della quota del 20% …" (quella di possibilità che le scuole hanno di modificare i piani di studio),
  • "… modalità diverse ed innovative …".
Adesso tocca alle scuole e - perchè no? - agli studenti che possono utilizzare questa opportunità partecipandovi attivamente come l'ordinanza suggerisce. E "attivamente" significa, questo lo aggiungo io, contribuendo a definire quali siano le modalità, i tempi, le forme più adatti.

Post precedenti su questo argomento: Reintrodotti gli esami di riparazione: una sconfitta, Rimandati a settembre: voi studenti cosa ne pensate?, Rimandare a settembre: il parere degli insegnanti , Esami di riparazione e recupero: una proposta , Scuola: una proposta per il recupero



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fioroni recupero decreto 3 ottobre

permalink | inviato da ravotto il 8/11/2007 alle 21:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



6 novembre 2007

Tafiti ... e per una volta parlerò di Microsoft

Favorevole all'opensource/freesoftware per una volta parlerò di Microsoft. L'azienda di Bill Gates ha prodotto un nuovo motore di ricerca - probabilmente è nuova la sola interfaccia, penso che il motore sia MSN che non ho mai usato - TAFITI.
Lanciata la ricerca TAFITI mostra,  se lo si vuole, i risultati come foglie di un albero:




Il colore delle foglie da informazioni sui link individuati: le foglie verdi indicano contenuti recenti.

L'idea è originale, ma  ad una prima impressione devo dire che mi trovo meglio con i tradizionali testi. Ecco comunque un video:



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. motore di ricerca tafiti

permalink | inviato da ravotto il 6/11/2007 alle 18:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     ottobre   <<  1 | 2 | 3  >>   dicembre
 
Blog letto 1 volte
da 11 agosto 2007




Add to Technorati Favorites
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

© CreativeCommons Attribution - Share Alike

Potete usare, distribuire e modificare i post di questo blog a patto di citare l'autore originario e di lasciare la stessa libertà sui prodotti derivati.



DA DOVE VI SIETE COLLEGATI

Locations of visitors to this page

Statistiche dal 10 febbraio 2008


ARTICOLI 2009
" Il contributo di EUCIP per una scuola delle competenze" Atti di Didamatica 2009, Trento
ARTICOLI 2008
"Il futuro dell'educazione - Discorso di apertura al XVII Encuentro International de Formacion a distancia" Guadalajara (MX), 2 dicembre 2008
Versione inglese
Versione nepalese
"Quali competenze digitali per insegnare al tempo del web2.0?" da "Atti del V congresso SIe-L", Trento 2008
"Usare in Moodle risorse didattiche presenti su SlideShare, YouTube e TeacherTube" da "Atti di Moodlemoot 2008, "
"eLearning e recupero dei debiti formativi" Convegno SIe-L, Roma, 20 maggio 2008
"Sostegno e recupero: usare la formazione in rete e gli strumenti digitali" da "Atti di Didamatica 2008, Parte II"
ARTICOLI 2007
"L'idea base di SLOOP: condividere free/open LO " (con G. Fulantelli) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"Ambiente di apprendimento e learning object: un'efficace sinergia" (con Berengo, Farinati, Masseroni, Petruzziello, Terenghi, Vimercati) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"I Learning Object nel web 2.0. Dal progetto SLOOP la proposta di open/free LO ed uno strumento per produrli in modo collaborativo" Atti del Congresso Nazionale AICA 2007 (Mantova, 27 settembre 2007)
"FreeLOms: uno strumento, prodotto nel progetto SLOOP, per la condivisione e la realizzazione collaborativa di “learning object" Atti del Convegno E-Learning. Esperienze e prospettive future: quali applicazioni? (Bressanone, 9 June 2007)
"L'uso di Moodle per il progetto SLOOP" Atti di MoodleMoot 2007 (Reggio Emilia, 22-23 marzo 2007)(con M. Terenghi)
ARTICOLI 2006
"Didattica in rete e didattica in presenza: l'integrazione possibile (abstract)" Congresso Proteo, Milano (31 ottobre 2006)
"Dalle scuole in rete ad una rete di scuole per la realizzazione di "free" Learning Object" Atti di Didamatica 2006, Cagliari (11-13 maggio 2006)
ARTICOLI 2005
"SLOOP: sviluppare un Free Learning Object Management System" Atti del secondo congresso SIe-L, Firenze, 9-11 novembre 2009
"SLOOP: un progetto europeo per un archivio condiviso di Free Learning Object" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005) (con M. Masseroni)
Versione inglese
"Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005)
"Il cubo della formazione in rete" Form@re, ottobre 2005
ARTICOLI 2004
"Dal Progetto SiR2 al Progetto OpenDida - Formazione insegnanti e produzione di materiali didattici per l’integrazione di formazione in presenza e formazione in rete" 1° Congresso SIe-L (Genova 25/26 novembre 2004)
"Condividere Free Learning Object: il progetto OpenDida" EXPO eLearning di Ferrara (9-12 ottobre 2004)
"The “open source” perspective in planning eLearning materials" ICETA 2004 - 3rd International Conference on Emerging Telecommunications Technologies and Applications, Kosice, Slovacchia, 16-18 settembre 2004
Versione italiana
ARTICOLI 2003
"Developing E-Learning Lessons, in Bridging the gap from the face to face to the elearning environment, Conference Papers" BiTE Conference Papers (Ipswich 5 Settembre 2003)
Versione italiana