.
Annunci online

  PierfrancoRavotto [ Un BLOG per parlare di condivisione e di collaborazione, nel mondo della scuola e della formazione ... e oltre ]
         

Un blog per partecipare alla costruzione collettiva di conoscenza, per condividere e scambiare idee, per scrivere come la penso. Per mantenere i contatti. Per ampliarli.

Chi sono
Avevo 20 anni nel 68, poi sono via via aumentati fino all'attuale età della pensione (e oltre).
Mi sono laureato in ingegneria ma ho scelto di fare l'insegnante saltando da una materia all'altra: matematica alle medie e alle "150 ore", Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione, Area di progetto, Sistemi organizzativi.
Dal 1980, all'ITSOS "Marie Curie" di Cernusco sul Naviglio, mi sono occupato di corsi post-diploma, di alternanza, di scambi con l'estero e di progetti di ricerca in ambito europeo (programmi Leonardo e Socrates).
Negli ultimi anni ho lavorato soprattutto sull'integrazione fra formazione in rete e formazione in presenza e ho promosso e coordinato il progetto SLOOP.
In pensione da settembre 2007, lavoro come consulente AICA e sono collaboratore del Laboratorio Tecnologie Educative (LTE) del Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Firenze. Mi occupo di certificazioni nell'ambito delle ICT, di eLearning e in genere di uso delle tecnologie nella didattica.
Un tema che mi è caro è quello della condivisione di contenuti aperti per l'eLearning

La mia libreria su Anobii


5 novembre 2007

Dopo i Radiohead potete scaricare anche Saul Williams

Ho già commentato l'iniziativa dei Radiohead (vedi): l'avvio di un cambiamento forse "epocale" nella distribuzione della musica.
Ecco a ruota l'iniziativa di Saul Willimans. Il nuovo album, "The Inevitable Rise and Liberation of NiggyTardust!",



può essere liberamente scaricato dal sito niggytardust.com. Potete scegliere di pagare 5 dollari o di scaricare gratuitamente, nel primo caso con la possibilità di scegliere una migliore qualità:



Se volete, potete anche inserire liberamente questo video nel vostro sito (e io lo faccio subito):





5 novembre 2007

Scuola: una proposta per il recupero

Ho già esposto in alcuni post le mie idee relativamente al decreto Fioroni del 3 ottobre e al recupero.

Ho posto la questione anche nella Comunità italiana sul sito SLOOP, dove si è già avviata una discussione



e nella Comunità italiana Moodle


Mi piacerebbe avere anche il vostro parere.




4 novembre 2007

Ho aperto un blog dedicato al golf

Ho aperto un secondo blog, quest'ultimo dedicato al golf: GOLFINRETE:





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. golf blog

permalink | inviato da ravotto il 4/11/2007 alle 19:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



2 novembre 2007

A Vision of Students Today

Sul sito di Antonio Fini trovo suggerito un filmato su YouTube prodotto da Michael Welsch insieme ai suoi studenti della Kansas University. Il filmato tocca il tema del rapporto tra nativi digitali, scuola e università
Ve lo ripropongo:

Come scrive Antonio "non è il contenuto ad essere in primo piano, ma la forma . Ancora una volta, un esempio di straordinaria efficacia comunicativa, ottenuta con mezzi poveri ".
E' vero, il contenuto non è originale (io avevo indicato in precedenza un altro video sugli stessi temi), ma non è male ribadire l'idea dell'opportunità di fare ricorso nell'insegnamento a tutti i mezzi e gli strumenti che i giovani hanno per le mani.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. youtube fini web 2.0 welsh

permalink | inviato da ravotto il 2/11/2007 alle 19:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



2 novembre 2007

Lavorare ... gratis? (2) Il caso del software

Ho posto, in un messaggio precedente, il problema di come riuscire a conciliare la libera condivisione di materiali didattici con la giusta retribuzione di chi li produce.
Mi ha risposto Antonio Fini (Laboratorio Tecnologie Educative dell'Università di Firenze). Fa l'esempio di Moodle, un LMS (Learning Management System) opensource fra i più diffusi: oltre a moodle.org, sito da cui si può scaricare gratuitamente il software e luogo di incontro delle comunità che lo usano, esiste anche moodle.com dove una serie di Moodle partners offrono (vendono) servizi connessi con l'uso di Moodle.

Chi ha prodotto Moodle e lavora al suo sviluppo viene retribuito da chi gli chiede adattamenti/modifiche del software, servizi di installazione e manutenzione, corsi di formazione. Si potrebbe pensare che, in ogni caso, ci sia una parte di lavoro che rimane non retribuita.
facciamo un esempio: io coltivo patate e te le regalo. Tu mi paghi per friggertele. La mia attività di cuoco è retribuita, ma non quella di contadino.

Ma ci sono due aspetti della questione che l'esempio non prende in considerazione:

  1. Se non fosse stato rilasciato come opensource, forse Moodle non si sarebbe affermato come uno dei più usati software per l'eLearning a livello mondiale e non avrebbe quindi prodotto utili, nemmeno attraverso la vendita di servizi.
  2. L'essere opensource fa sì che altri  collaborino allo sviluppo (è come se ci fossero altri che mi aiutano a coltivare le patate, a raccoglierle, a trasportarle senza chiedermi di essere pagati): e dunque, se è vero che lo sviluppatore distribuisce gratuitamente il prodotto è anche vero che usufruisce del lavoro gratuito di altri). Tanto per restare su Moodle: il modulo che lo ha reso SCORM compatibile è stato prodotto in Italia, non dal suo creatore, Martin Dougiamas, che però adesso usufruisce di tale funzione.
Insomma, nel campo del software il modello si è rivelato "pagante". E nel campo dei contenuti?




1 novembre 2007

Golf ... con i miei ex-studenti

Era dagli inizi degli anni '80 che non andavo a giocare con gli studenti. Era stata la mia prima ed ultima partita di calcio con loro; ho fatto due goal (me li ricordo ancora!): uno perchè uno studente mi ha lasciato la palla da spingere dentro a porta vuota - l'ho ampiamente ripagato facendolo promuovere alla maturità nonostante una prestazione disastrosa - ma l'altro su azione:-)
Ultima, perchè sono dovuto poi restare a letto febbricitante qualche giorno :-(

Insomma erano almeno 25 anni che non andavo a giocare con loro ma ieri ho fatto una gara a golf con uno dei miei (ex-)studenti e con una collega. Questo dopo aver fatto lezione di golf nell'ora di educazione fisica (vedi).
Un'esperienza divertente che mi piacerebbe ripetere.
Non solo il golf è poco conosciuto, ma anche l'etichetta che lo sottende potrebbe essere un interessante elemento di confronto con quella di altri giochi. Già, per esempio, credo siano rimasti stupiti che seguendoci nella gara dovevano stare attenti a non danneggiare il campo e non potevano gridare :-)

Voi ragazzi che idee vi siete fatti?

PS
Credo abbia vinto Cesare, ma nella frenesia finale di provare a tirare in campo pratica dopo esser stati a vedere per due ore ... non abbiamo fatto i conti e i caddy si sono portati via gli score :-)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. golf etichetta

permalink | inviato da ravotto il 1/11/2007 alle 18:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


sfoglia     ottobre   <<  1 | 2 | 3  >>   dicembre
 
Blog letto 1 volte
da 11 agosto 2007




Add to Technorati Favorites
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

© CreativeCommons Attribution - Share Alike

Potete usare, distribuire e modificare i post di questo blog a patto di citare l'autore originario e di lasciare la stessa libertà sui prodotti derivati.



DA DOVE VI SIETE COLLEGATI

Locations of visitors to this page

Statistiche dal 10 febbraio 2008


ARTICOLI 2009
" Il contributo di EUCIP per una scuola delle competenze" Atti di Didamatica 2009, Trento
ARTICOLI 2008
"Il futuro dell'educazione - Discorso di apertura al XVII Encuentro International de Formacion a distancia" Guadalajara (MX), 2 dicembre 2008
Versione inglese
Versione nepalese
"Quali competenze digitali per insegnare al tempo del web2.0?" da "Atti del V congresso SIe-L", Trento 2008
"Usare in Moodle risorse didattiche presenti su SlideShare, YouTube e TeacherTube" da "Atti di Moodlemoot 2008, "
"eLearning e recupero dei debiti formativi" Convegno SIe-L, Roma, 20 maggio 2008
"Sostegno e recupero: usare la formazione in rete e gli strumenti digitali" da "Atti di Didamatica 2008, Parte II"
ARTICOLI 2007
"L'idea base di SLOOP: condividere free/open LO " (con G. Fulantelli) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"Ambiente di apprendimento e learning object: un'efficace sinergia" (con Berengo, Farinati, Masseroni, Petruzziello, Terenghi, Vimercati) Da "Condividere free/open LO. I risultati del progetto SLOOP", ISBN 978-88-903115-1-2
Versione inglese in "Sharing Learning Objects in an Open Perspective", ISBN 978-88-903115-0-5
"I Learning Object nel web 2.0. Dal progetto SLOOP la proposta di open/free LO ed uno strumento per produrli in modo collaborativo" Atti del Congresso Nazionale AICA 2007 (Mantova, 27 settembre 2007)
"FreeLOms: uno strumento, prodotto nel progetto SLOOP, per la condivisione e la realizzazione collaborativa di “learning object" Atti del Convegno E-Learning. Esperienze e prospettive future: quali applicazioni? (Bressanone, 9 June 2007)
"L'uso di Moodle per il progetto SLOOP" Atti di MoodleMoot 2007 (Reggio Emilia, 22-23 marzo 2007)(con M. Terenghi)
ARTICOLI 2006
"Didattica in rete e didattica in presenza: l'integrazione possibile (abstract)" Congresso Proteo, Milano (31 ottobre 2006)
"Dalle scuole in rete ad una rete di scuole per la realizzazione di "free" Learning Object" Atti di Didamatica 2006, Cagliari (11-13 maggio 2006)
ARTICOLI 2005
"SLOOP: sviluppare un Free Learning Object Management System" Atti del secondo congresso SIe-L, Firenze, 9-11 novembre 2009
"SLOOP: un progetto europeo per un archivio condiviso di Free Learning Object" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005) (con M. Masseroni)
Versione inglese
"Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore" Atti di EXPO eLearning 2005 (Ferrara, 6-8 ottobre 2005)
"Il cubo della formazione in rete" Form@re, ottobre 2005
ARTICOLI 2004
"Dal Progetto SiR2 al Progetto OpenDida - Formazione insegnanti e produzione di materiali didattici per l’integrazione di formazione in presenza e formazione in rete" 1° Congresso SIe-L (Genova 25/26 novembre 2004)
"Condividere Free Learning Object: il progetto OpenDida" EXPO eLearning di Ferrara (9-12 ottobre 2004)
"The “open source” perspective in planning eLearning materials" ICETA 2004 - 3rd International Conference on Emerging Telecommunications Technologies and Applications, Kosice, Slovacchia, 16-18 settembre 2004
Versione italiana
ARTICOLI 2003
"Developing E-Learning Lessons, in Bridging the gap from the face to face to the elearning environment, Conference Papers" BiTE Conference Papers (Ipswich 5 Settembre 2003)
Versione italiana