Blog: http://PierfrancoRavotto.ilcannocchiale.it

L'ultimo teorema di Fermat

Bel libro. Accessibile anche ai non esperti di matematica.
Si tratta di "L'ultimo teorema di Fermat" di Simon Singh.

More about L'ultimo teorema di Fermat

S'intrecciano più storie.
Prima di tutto quelle indicate nel sottotitolo: "L'avventura di un genio, di un problema matematico e dell'uomo che lo ha risolto dopo tre secoli". Dunque la storia di Fermat, un giudice francese del XVII secolo, matematico dilettante; la storia dei tentativi di dimostrare un teorema di cui Fermat aveva lasciato scritto soltanto, sul margine di un libro, "dispongo di una meravigliosa dimostrazione ... che non può essere contenuta nel margine troppo stretto di una pagina"; infine la storia  di Andrew Wiles, che ha scoperto a 10 anni l'esistenza di quell'enigma, che si è riproposto di risolverlo, che si è dedicato alla matematica e, quarantenne, ha raggiunto la soluzione nel 1994.
Ma c'è un'altra storia che si intreccia con quelle: la storia della matematica, a partire da Euclide e da Pitagora, il cui teorema è il diretto progenitore di quello noto come ultimo problema di Fermat.

Ma c'è un'altra storia che mi affascina, quella in cui si confrontano, anche nel campo della matematica, chiusura e apertura.
A partire dal Sodalizio di Pitagora: una scuola egualitaria aperta anche a numerose donne (e siamo nel sesto secolo AC) ma i cui componenti dovevano giurare di non rivelare mai all'esterno le loro scoperte (sembra che uno di loro venne annegato per esser venuto meno a quel giuramento!). Per arrivare al contesto attuale in cui "non avendo invenzioni da brevettare i matematici di ogni università sono tra le persone meno gelose dei loro lavori. La comunità dei matematici è orgogliosa di avere uno scambio di idee libero e aperto e le pause per il tè si sono trasformate in un rito giornaliero  durante il quale ... si comunicano e si indagano concetti".
Wiles, invece, ha lavorato in una logica di chiusura: indagando per 7 anni ma tenendo celato ai colleghi non solo i risultati che stava raggiungendo ma anche l'oggetto dell'indagine. Poi, però, il passggio ultimo lo ha fatto, quando stava ormai per rinunciare, aprendosi alla collaborazione di un collega.

Pubblicato il 3/2/2010 alle 19.46 nella rubrica Letture.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web